BITCOIN PRONTO A RITESTARE $12K DOPO POCHI MINUTI DI FOMC, I DATI MOSTRANO

Bitcoin è sceso verso gli 11.500 dollari di mercoledì, una mossa che ha seguito il suo breve rally oltre i 12.000 dollari all’inizio di questa settimana.

La correzione è apparsa come una testimonianza del comportamento di chi ha tratto profitto. I trader hanno deciso di liquidare le loro posizioni lunghe a seguito di un rally intraday supersonico, assicurando così i loro guadagni a breve termine. La cosiddetta pressione di vendita ha portato il prezzo del Bitcoin Trader ad un abbassamento del prezzo, causando il panico anche ad altri.

RICHIAMI RIBASSISTI PER IL BITCOIN

I grafici tecnici ora si aspettano che la crittovaluta si diriga ancora più in basso in questa settimana. Uno di loro ha dipinto una serie di supporti orizzontali punteggiati che Bitcoin potrebbe testare nelle prossime sessioni. Questi livelli erano vicini a 11.123 e 10.560 dollari, come mostrato nel grafico qui sotto.

„Perdere questo livello in chiusura e mi aspetto che andiamo per le linee verdi tratteggiate e che anche il resto del mercato prenda un colpo“, ha detto l’analista mentre puntava l’allarme rosso sul suo grafico. „Siate cauti con le posizioni attuali. Nessuna moneta sarà immune a questo“.

Ma i fondamentali parlavano di un risultato diverso.

MINUTI FED

Bitcoin è precipitato nella settimana che sta portando alla pubblicazione del verbale dell’ultimo incontro della Federal Reserve degli Stati Uniti. Mercoledì, essi forniranno informazioni specifiche su come l’economia statunitense si sta comportando in mezzo al crescente numero di casi COVID – e se necessita o meno di ulteriori aiuti sotto forma di tassi di interesse più bassi e programmi di acquisto di obbligazioni.

Gli analisti di Phillip Futures hanno detto in una nota che la Fed potrebbe non lanciare alcun nuovo programma di stimolo monetario.

Ciononostante, hanno dichiarato che gli investitori avrebbero guardato i verbali per capire qualsiasi cambiamento nell’approccio della Fed all’inflazione. Se la banca centrale mantiene i tassi vicino allo zero, manterrà una pressione al ribasso sui rendimenti obbligazionari e sul dollaro USA.

Decisioni come queste hanno aiutato in precedenza a mettere al sicuro gli asset, inclusa la Bitcoin. Uno studio condotto da Interdax, una piattaforma di derivati criptati, ha rilevato che quest’anno i minuti del FOMC hanno fatto salire il prezzo del Bitcoin dopo una settimana di rilascio – due volte su tre.

„Più recentemente, BTC-USD ha risposto negativamente nella settimana successiva al primo taglio del tasso di emergenza del 3 marzo 2020“, si legge nel rapporto. „Tuttavia, l’asset digitale ha goduto di un ritorno anomalo di quasi il 15% nella settimana successiva al secondo taglio del tasso di emergenza del 15 marzo 2020“.

Interdax ha anche osservato che la Fed potrebbe voler allentare il suo obiettivo del 2% di inflazione per continuare il suo programma di allentamento quantitativo. Ha dichiarato che i trader dovrebbero essere alla ricerca di eventuali segnali di maggiore colombaia, aggiungendo che „la prospettiva di un aumento dell’inflazione [a breve] favorisce il bitcoin“.

CONCLUSIONE

Il macro sentimento permette alla cripto-valuta di ritestare 12.000 dollari, dato che sia il dollaro USA che le obbligazioni rendono le perdite oculari contro una dichiarazione della Fed di mercoledì. I tori d’oro stanno facendo un caso simile per il metallo prezioso, poiché mirano ad una chiusura superiore a 2.000 dollari l’oncia.